Edicola della Madonna

Affresco:                          murale

Epoca:                              sec. XVIII

Restauro:                          1990

Ubicazione:                      via Matteotti

Proprietà:                         Parrocchia San Michele Arcangelo,

                                          Busto Arsizio

Tutela storico-artistica:   Legge 1089/39, art. 4

Via Matteotti era l'antica via centrale del borgo.

La denominazione della via si riferiva ad un antico tracciato stradale rimasto sostanzialmente immutato nei secoli.

Il libro della decima del 1399 dà "Contrada di Pessina".

Le contrade non erano vie, ma quartieri solcati da una strada principale che immetteva alle porte del borgo.

La Contrada Pessina iniziava dalla Pessina comunis, da cui probabilmente riceveva il nome, che era situata nell'attuale piazza Santa Maria e metteva capo alla Porta Pessina (l'attuale sbocco su piazza Manzoni), alla estremità occidentale del borgo.

In questa strada, storicamente di grande interesse per la città sorgevano cappelle (quella di san Carlo per esempio), e affreschi murali.

Ricordiamo san Carlo orante (casa Guzzi), l'Annunciazione (casa Vittorelli), il monaco orante (casa Ferrario) e, in modo particolare, "l'edicola dedicata alla Madonna".

Non è certamente un capolavoro, ma la semplicità dell'affresco settecentesco, la bellezza del ferro battuto e la collocazione indovinata all'incrocio tra la via Matteotti e le strade che portano da San Michele a San Rocco, la rendono oggetto di ammirazione e di preghiera.

affresco strappato dell'Annunciazione

(conservato nella sacristia di San Michele)

Cristo viene formato in chi riceve l'immagine di Cristo.

Ma riceve l'immagine di Cristo chi aderisce a Cristo con vero amore spirituale.

S. agostino

PARROCCHIA PREPOSITURALE SAN MICHELE ARCANGELO

BUSTO ARSIZIO - 0331 632146